0

Serials, Keys, Cracks: Nero 8 (Ultra Edition) 8.X serial key

Updating Nero 8 Lite and Micro should be easy though I have taken some time to make some internal code changes. This should be your intention too, as a user, to fully evaluate nero 8 trial without restrictions and then decide. Nero AI Photo Tagger beta feedback November 13, 2020; FAQs – Nero AI Photo Tagger Beta version November 13, 2020; How to install Nero TuneItUp and Unlock the PRO feature November 11, 2020; Release Notes for Nero Platinum 2020 – 2020 Q3 October 27. Bluetooth hacker java app https://zlatdetki.ru/forum/?download=5589. TV, Movies, Software, Games, Music and More. Sobeit hack 0 3e games https://zlatdetki.ru/forum/?download=322. NERO 11 Serial key, Patch and Keygen.

Serial key free nero 8 micro v8.0.3.0 Download - nero 8 micro v8.0.3

Skeleton key alex rider pdf. How to extend trial period of any software in 5 minutes - latest trick - Duration: Trick Tell Tech 1, views. Download Direct Nero 8: Sponsored Link torrenthound Nero 8 Full Version Keygen software windows video apps: 20. NERO 6 Serial key, Patch and Keygen. Download Nero Burning ROM Free. Pes 13 crack reloaded. Words like: crack, serial, keygen, free, full, version, hacked, torrent, cracked, mp4, etc.

1
  • Free nero 8.3.6.0 Download - nero 8.3.6.0 for Windows
  • Nero 8.3.2.1 Ultra Edition free serial number key download
  • CRACK Nero Ultra Edition 8.3.2.1 + Keygen
  • Nero All Versions Serial key, Patch & Keygen 2020
  • Nero 8 Micro v8.0.3.0 version 88.0.3.0 by www.nero.com
  • Nero Free Download (2020 Latest) for Windows 10, 8, 7
  • Nero 8 Micro 8.3.13.0

Download Nero 8.3.20.0 - Softpedia - Free Downloads

Nero 8 Lite Micro Description. There is a separate tab for interaction with. This software is mainly used for creating CD's and DVD's. Issuu company logo.

2

Download Nero Micro v8.3.20.0 Build 1.20.1.1

Multi language + New KeyGen keygen, 8245. Usenext unlimited crack keygen mediafire. Shorten plugin worked fine for me, XP, Nero Micro 8. Burn durable drives – Exclusive burn using Nero SecurDisc 3.0 provides a readable disks even if they scratch their physical deterioration and obsolescence. Nero Burning ROM 2020 is the best program to burn CDs, DVDs, and Blu-rays on a Windows PC: photos, videos, data, ISO images, backups. Serial Key for Nero 8 Screenshots Of Nero 8 Nero 8, It is just like nero 9 Photo Snap Viewer In Nero 8 you can download nero 8 from here serial keys for ne How to crack password of [HOST] Nero Burning ROM Crack + Serial Key Free Download. NERO BURNING ROOM 7 MICRO SERIAL NUMBER: With Keygen 1C82-A0K5-19E5-MAAX-400F-R5MJ-KS78 1C82-A0K5-19E5-MAAX-400F-FI9F-C5XS 1C82-A0K5-19E5-MAAX-400F-NABR-6KX9 1C82-A0K5-19E5-MAAX-400F-KNKI-3XRI Nero 6.0 Serials 1A23-0053-5627-7621-4552-4219 1A23-0080-4214-7016-4837-3628 1A23-4080-6550-8231-1263-2590 1A23-0017-0131-7617-8320-7112 1A23-3080-8601-8474-7275-0437 Ahead Nero 6.0 Ulta Edition 1A23.

Nero 8 Free Download Full Version

If you are keeping the software and want to use. Nero Burning ROM 11 Full Cracked + Serial Number - [Mediafire] ini dipublish oleh Acer Soft pada hari Thursday, June 7, 2020. I emailed Nero and got a reply. Our intentions are not to harm Nero software company but to give the possibility to those who can not pay for any piece of software out there. If the file fails to download, please try again. The nero I had was nero 12 video. Cod4 private server patch 1.7 read full article.

3
  • Download nero 8 nero 8.1.1.0 serial number generator
  • Nero 8 Micro V8.3.2.1
  • Free nero 8.3.13.0 english micro edition Download - nero 8
  • Nero micro 8.3.6.0 pre cracked silent install
  • Marks PC Solution: Download Nero Micro for Free (11.2 MB)
  • Download key gen nero 8.3.6.0 serial number, keygen, crack
  • Nero 8.3.2.1 Ultra Edition (Installer, Serials, And
  • Download Nero 8.3.6.0 for Windows
  • Download Nero 8 Micro 8.3.2.1 serial number generator
  • Free download program Nero Micro 8.3.6.0 Activation
  • Download Old Versions of Nero for Windows
  • Nero Micro Freeware - Free Download Nero Micro
  • The Pirate Bay - The galaxy's most resilient bittorrent site
  • Download Nero-8.3.2.1_eng_trial.exe free - Nero 8
  • Nero 8 Micro 8.2.8.0
  • Nero 8.3.6.0 Micro (7 Downloads Available)
4

Free Software Download: Nero 8 Micro Version 8.3.2.1

Today I'm gonna share a light version of Nero - Nero Micro 8. And it's 100 % free for you! FULL RollBack Rx 10.2 Build 2699483149 cracked by LMN. SOMEONE upset with the growing size of the popular "Nero SOMEONE upset with the growing size of the popular "Nero All Posts. Nero 8 Lite lets you make multimedia projects with high-quality and professional results. Crack & Product Serial Key Results for "Nero Burning ROM Micro with patch" [HOST], Page: 1 - for most relevant results include both Software Title+Version number in your search. NERO 8 Serial key, Patch and Keygen. In this case you will not have to enter a serial number during the installation of Nero 8.

Nero Micro 2020 v19.1.1010 With Cracked [Latest]

Pou hack zippy dubai official website. Serial number PR Standart Ver: username NOWWAYHOME serial number ST Industrial Ver username NOWWAYHOME serial number ND StarDock Windows Blinds ver win all WB-I2RIR-B0JDL-N3EKQFML-OGD9G WINDOWS XP HOME EDITION RH6MPPK4-YR86H-YFFFX-PW8M8. Free download nero 7 full serial number with keygen use for nero 7 ultra edition, nero 7 premium edition, nero 7 lite edition, Nero 7 micro and more, Nero 7 suite include nero 7 startsmart, nero 7 burning rom, nero 7 express, nero 7 cover disign, nero 7 vision and more, Nero 7 the software for burning cd dvd it can write data vedio multimedia picture and more data, Nero 7 free download from mediafire. F40e7c8ce2 free nero dvd copying download software nero vision free tril. After the installation is finished, you will gain the ability to run the app, which will. Nero 8 Lite is a reduced package of the Nero 8 Suite that includes only a few components from the original full version. All serial numbers are genuine and you can find more results in our database for Nero software.

5

Download Nero Micro v8.1.1.4 - AfterDawn: Software downloads

Nero 8.1.1.0 Micro 64 Bit

Backslash key german keyboard. Superpower 2 crack 1.4 music https://zlatdetki.ru/forum/?download=520. Ezx electronic keygen accelerator. Nero Burning Rom is commonly known as Nero. Many thanx: ) reply; Patrick. NO NEED TO UNINSTALL NERO OR. NO NEED TO UNINSTALL. Simplifying your search will return more results from the database.

6

Official Nero Downloads for Free

Nero 8 micro serial number. Give me serial no nero - Ahead Software Nero () for PC. Clicking this will make more experts see the question and we will remind you when it gets answered. Serials megaupload jerin_007 wrote: Info: Advantages of Nero Lite / Micro Edition - The transfer of smaller size - Smallest footprint in the system (installation of a smaller size, much less writing log entries) - Installation of 10 times faster, if not more. Click the "Add" button. Updates are issued periodically and new results might be added for this applications from our community. Nero Burning ROM is the best program to burn CDs, DVDs, and Blu-rays on a Windows PC: photos, videos, data, ISO images, backups fast and simple. Posted by Ankit at 3: 02 AM.

Nero Micro 8.3.6.0(PRE-CRACKED)SILENT INSTALL patch
1 Nero micro v8 0 3 1 incl keymaker core cracked org 50%
2 Nero 8 Free Download - CNET Download 35%
3 CRACK Nero 8.0.3.0. Micro 37%
4 Download Nero 8.3.20.0 - Free Downloads Encyclopedia 94%
5 Download Nero 8.3.2.1 for Windows 86%
6 Download Nero 8.3.0 serial number, keygen, crack or patch 88%
7 Nero Micro 8.3.2.1 serial key or number 96%
8 Download Nero 8 Lite 8.3.20.0 Build 1.20.2.1 41%
9 Download crack nero 8 full – aneverwi 95%
7

Recensione a Bruno Maida, I treni dell'accoglienza. Infanzia, povertà e solidarietà nell'Italia del dopoguerra. 1945-1948.

Recensione a Bruno Maida, I treni dell'accoglienza. Infanzia, povertà e solidarietà nell'Italia del dopoguerra. 1945-1948.

https://preview.redd.it/ru27zdqo20z51.jpg?width=1000&format=pjpg&auto=webp&s=4619770510ce51a7ee96ee5c085cf5a6a5654ef7
L’Italia del dopoguerra è un paese quasi in ginocchio: città sventrate, campi minati, comunicazioni compromesse, produzione agricola e industriale ridotta al minimo. Disponiamo di molte descrizioni di quell’Italia martoriata.
Così come vi sono molti modi per studiare il secondo dopoguerra (vedi, ad esempio, Giovanni De Luna: La Repubblica inquieta. L’Italia della Costituzione. 1946-1948, ma ne proporrò altri esempi).
Maida sceglie un percorso e un evento diversi. Per descrivere l’Italia del secondo dopoguerra è partito da un progetto politico-sociale: “I treni dell’accoglienza”, una iniziativa organizzata e diretta principalmente dal Partito Comunista e dall’Unione Donne Italiane.
Ancor prima di inoltrarci nel libro, il punto da cui partire, mi pare, è che quell’Italia era già povera prima della guerra. Nel 1953 vengono pubblicati gli Atti dell’Inchiesta sulla miseria in Italia, una ponderosa opera in più volumi nella quale, pur cassata nelle descrizioni più crude, viene descritta una povertà dilagante, certo diseguale per profondità e ampiezza nelle varie zone del Paese, ma comunque presente. Leggendo gli atti di questa Inchiesta è impossibile non riandare con la memoria alle grandi inchieste ottocentesche, quella di Jacini sui contadini e quella di Bertani sulle condizioni sanitarie. Del resto, l’Italia del dopoguerra è un paese la cui economia era ancora profondamente agricola – e in molte zone si trattava di un’agricoltura arretrata. Mi è capitato recentemente di studiare il territorio di un Consorzio di Bonifica Montana, a cavallo tra Emilia-Romagna e Toscana: ebbene, la documentazione prodotta negli anni Trenta del Novecento restituisce zone poverissime ancora alla vigilia della guerra. Siamo di fronte a una storia lunga: un libro recentissimo di Adriano Prosperi, che ho recensito (Un volgo disperso. Contadini d’Italia nell’Ottocento) si basa su decine di topografie mediche che descrivono “mondi terribili”. Non a caso Maida non trascura le zone appenniniche che ho indicato e utilizza anche documentazione prodotta dai medici.
Perché su quell’Italia già povera si innesta la miseria provocata dalla guerra. Direi che tre termini possono indicare bene la situazione: danni di guerra, mercato nero e malattie. La documentazione riportata da Maida sui danni di guerra è esemplare. Descrivendo le zone lungo la linea gotica e lungo il Senio; nella zona di Cassino; a Roma e Napoli Maida ci inoltra in situazioni infernali: la gente tira a campare e si arrangia in tuguri, in grotte, perfino sottoterra come nel caso di Napoli. Ne emerge un’Italia dolente, lacera, nella quale le stesse malattie dominanti rimandano a condizioni di vita estreme: tifo, rachitismo, malaria, tracoma sono tutte malattie che hanno attinenze a condizioni igieniche disastrose, ad abitazioni malsane, a un’alimentazione insufficiente, a vecchie “tare” sulle quali si innestano nuove sofferenze. Si dovrebbe tener presente che in alcune zone le devastazioni di guerra sono talmente gravi che spengono sul nascere qualsiasi possibilità di ripresa: nel nostro appennino, lungo il Senio, l’esodo dei montanari verso la pianura inizia molto prima del boom economico.
Il mercato nero ha prezzi proibitivi e fa prolificare la criminalità e la micro-criminalità. A fare le spese più di altri di questa situazione, e allo stesso tempo ad esserne protagonisti, sono i bambini.
Bambini cenciosi, malnutriti, sgamati e sprezzanti fin da piccolissimi; abituati ad arrangiarsi in mille modi, rubando, contrabbandando. Il problema dell’infanzia ha molte sfaccettature: demografico, in quanto la guerra ha spazzato via una generazione di soldati e di civili; sanitario, perché quali adulti si avranno se quest’infazia è già malata dal suo nascere? Umanitario, in quanto i bambini sono vittime di una guerra voluta dagli adulti; morale, in quanto i bambini sono ritenuti il collante della famiglia
Entriamo così nel cuore del libro perché verso l’infanzia si muove l’iniziativa del PCI e dell’UDI dei treni della felicità: spostare i bambini più poveri e bisognosi delle zone più povere e colpite dalla guerra, in quelle in cui le condizioni di vita sono relativamente migliori, ospitati da famiglie disposte ad accoglierli per qualche mese.
Anche in questo caso occorre tenere l’occhio al passato. Perché se il PCI e l’UDI sono gli artefici principali di questa iniziativa, non sono gli unici ad attuarla: Enti comunali di assistenza, OMNI, CIF, associazioni e comitati cittadini, Croce Rossa… sono molti gli enti coinvolti. Perché un numero così elevato di enti? Perché questa vicenda mostra le carenze storiche del Paese sul versante dell’assistenza. Gli stessi ECA, creati dal regime fascista nel 1937 altro non erano che le più vecchie Congregazioni di Carità. C’è tutto un fittissimo sottobosco di Opere Pie ereditato dalla Repubblica, che in molte zone del paese era ancora nelle mani del clero che fa sentire la propria influenza. È un groviglio di enti, a volte minuscoli, che impedirà a lungo l’organizzazione del “welfare state” nazionale (Gli ECA e l’OMNI sopravviveranno ben addentro alla storia repubblicana. Sull’OMNI si può vedere: Carl Ipsen Demografia totalitaria. Il problema della demografia nell’Italia fascista).
Garantire qualche mese di serenità, di alimentazione adeguata, di scolarità a decine di migliaia di bambini non è soltanto una questione umanitaria. È anche un’operazione politica. Il PCI si è guadagnato una legittimità politica nel corso della Resistenza, ma è un partito che ha ancora molti problemi. Le iscrizioni sono “esplose” nell’immediato dopoguerra, ma non sono omogenee sul territorio nazionale: forte, radicato e strutturato al nord, nelle fabbriche e nella valle padana che era stata socialista, si sviluppa a macchia di leopardo nel resto del paese, in meridione è debole e fragile.
Soprattutto, la netta maggioranza dei nuovi iscritti non ha una preparazione politica. Vent’anni di spoliticizzazione operata dal fascismo sono difficili da smaltire. Il PCI sconta anche una debolezza culturale che Maida mostra in modo molto efficace più volte lungo il libro: ufficialmente schierato per l’emancipazione femminile, in realtà il partito è pervaso di maschilismo: molti mariti proibiscono alle mogli di frequentare le sezioni per il timore che vengano “insidiate” dagli uomini; le donne con incarichi di rilievo nel partito sono poche. Tra emancipazione femminile e “specificità” della natura della donna in quanto custode del focolare domestico, “predisposta” alla cura, all’educazione e all’assistenza dell’infanzia l’azione del partito si muove in questa direzione.
Ma è un partito che ha anche alcuni vantaggi su tutti gli altri. Innanzitutto, ha un gruppo dirigente di alto livello intellettuale: Togliatti, Scoccimarro, Sereni, Amendola… sono tutte teste pensanti, intellettuali finissimi. Ma, sopra ogni altro aspetto, il PCI dispone di una militanza dei quadri intermedi a tutta prova: è difficile comprendere oggi come sia possibile accettare e condividere una dedizione totale, assoluta, completa dei militanti alle direttive del Partito: spostarsi da una città all’altra, assumere incarichi diversi, sopportare una vita di privazioni. Non va dimenticato che, in quegli anni, e soprattutto in un partito come quello comunista, composto in grandissima parte da proletari, fare politica non arricchisce. Quella dedizione assoluta si spiega col fatto che quei militanti credevano in quello che facevano. Infine, la vecchia guardia del partito, ha affrontato il fascismo, subito il carcere, conosciuto migrazioni, si è impegnato nella guerra civile spagnola, mantenuto una debole ma costante opposizione al fascismo, ha diretto la Resistenza. In breve, ha maturato grandi capacità organizzative.
Ecco allora che questo insieme di capacità viene riversato sull’esperienza dei treni dell’accoglienza. Da un’iniziativa estemporanea nasce e prende corpo un progetto politico. Organizzare i treni della felicità significa in primo luogo promuovere un grande sforzo: quali bambini inviare? Il risvolto politico dell’operazione – radicare ed estendere il partito su tutto il territorio nazionale – fa sì che li si scelga in relazioni ai bisogni e non all’appartenenza politica (passata e presente) dei genitori. Come selezionarli? Occorrono medici in grado di individuare eventuali malattie infettive. Trovare le famiglie, organizzare i viaggi… Si tratta di un’iniziativa che consente anche di conoscere meglio i profondi bisogni non solo contingenti della popolazione, smentire la propaganda degli avversari, legittimare una forza politica legata al nuovo avversario che la guerra fa emergere: l’URSS.
Certo, una volta che il progetto comincia a prendere corpo si innesta un fenomeno di adesione spontanea dovuto al coinvolgimento emotivo: i giganteschi salvadanai fatti circolare nella città per raccogliere offerte, l’adesione di sindaci e giunte popolari e comunali. Maida descrive tutto questo con pagine esemplari, empatiche e coinvolgenti. Ma c’è anche il risvolto negativo. Dopo l’iniziale adesione entusiastica, le successive “ondate” di bambini da ospitare troveranno resistenze tra i militanti: mantenere un bambino per mese ha dei costi pesanti da sostenere per una famiglia operaia o contadina; arrivano gli scugnizzi, indisciplinati e abituati a rubacchiare… ci si può fidare? Nei militanti c’è anche una diffidenza con venature razziste nei confronti dei meridionali che i dirigenti faticano a vincere.
Ci sono altri problemi perché quei bambini non sono soltanto oggetto di un’operazione politica. Sono anche soggetti, con desideri, timori, rifiuti, esigenze. Maida ci inoltra e ci guida in questo prisma sfaccettato con prudenza e sensibilità. Sono mondi che si incontrano, a volte con fatica, a volte con esiti inaspettati – alcuni bambini rimarranno al nord.
Maida sceglie questi percorsi per far descriverci un’Italia divisa tra “molte italie”. C’è la Napoli monarchica e qualunquista, poverissima ma visceralmente anticomunista; c’è un’Italia in cui l’influenza del clero sulla popolazione è capillare ed assolutamente dominante. Qui è sufficiente spargere volantini anti-comunisti e spargere dicerie immaginifiche sui comunisti che mangiano i bambini o che li invieranno in URSS per farne nei nemici dell’Italia per rendere difficilissima la concretizzazione dei treni dell’accoglienza. Ci sono anche le zone rosse della Valle Padana. Una domanda “riguarda” l’Emilia-Romagna da vicino: come mai dal momento che molte zone delle Valle Padana fu una delle più colpite dalla guerra, l’Emilia fu una delle regioni che rispose con più ampiezza ed efficacia di altre?
Ebbene, anche in questo caso siamo di fronte alla longue durée della storia. Siamo nella terra del mutuo soccorso, delle associazioni, delle leghe, delle cooperative, delle prime municipalità democratiche (il 1889) che avevano sviluppato un’attenzione notevole agli asili, alla refezione scolastica, ad alcuni servizi municipalizzati. Tutto questo è “passato” in qualche modo attraverso il fascismo. Si può sostenere che il partito socialista sia stato la vera vittima del fascismo: dal punto di vista organizzativo non si è mai più ripreso dalle violenze squadriste. Ma il PCI seppe appropriarsi di quella storia, di quei percorsi. Ecco allora che la storia lunga di una terra che è diventata fertile per l’opera dell’uomo – le bonifiche – ma che ha richiesto lotte e organizzazione si incontra più facilmente di altre le necessità. Gli emiliano romagnoli le riconoscono: sanno bene cosa vuol dire avere la malaria; la pellagra è sparita da pochissimo, ma tutti sanno cos’ha significato quella malattia. Non parlerei di generosità romagnola, questo libro è bello anche perché non indulge alla retorica, non ce n’è traccia.
Accogliere e aderire a un progetto politico significa indicare quale percorso si vuole intraprendere, cosa e chi privilegiare, dare priorità ad alcuni soggetti piuttosto che ad altri. Ecco il motivo per cui l’Emilia rispose bene ai treni della felicità. Ed ecco anche perché dal libro emerge un fare politica che parte dai bisogni profondi delle persone comuni e dei più deboli, un fare politica per una società rinnovata, democratica e aperta, una politica pulita. C’è stata quella politica, la si poteva condividere o meno, sostenere o contrastare, ma ha avuto una storia che Maida ha fatto benissimo a ricordarci. In un paese in cui non è affatto vero che si stava meglio quando si stava peggio, matura una pagina alta della nostra storia.
Con I treni della felicità Maida ci regala un libro bellissimo, frutto di un lavoro di scavo archivistico e documentario imponente e faticoso, fuso in una narrazione fluente e sempre ponderata.
submitted by lostorico to Libri

IL ROLEX SUBMARINER

IL ROLEX SUBMARINER
Nei primi anni ’50 il mondo aspettava di vedere l’impermeabilità di un orologio compiere un passo avanti.
Più che in termini di mera resistenza all’acqua chi praticava immersioni, attività che in quel periodo stava crescendo esponenzialmente, necessitava di un vero e proprio strumento al polso.
Quando c’è di mezzo l’acqua sappiamo tutti che Repliche Orologi con la cassa Oyster è negli anni ’20 stata una pioniera, ma il primo orologio subacqueo a potersi chiamare veramente tale è stato il Fifty Fathoms di Blancpain.
Almanacchi messi da parte nel corso degli anni i due top diver hanno preso strade diverse: il Submariner è diventato meritatamente un segnatempo iconico e sulla bocca di tutti, un po’ meno noto è il Fifty Fathoms (appassionati sempre ben informati esclusi) ma grazie al congiungimento con il DNA di Alta Orologeria che scorre in Blancpain lui vola a quote più alte.
Il Submariner, presentato a Baselworld nella primavera del ’54 quando il Blancpain era già in vendita, grazie alla corona avvitata brevettata da Rolex poteva raggiungere agevolmente i 100 metri di profondità.
Osservandolo, dopo quasi sette decadi il suo look è rimasto pressoché invariato.
Da oramai molto tempo sia grazie alle innumerevoli edizioni homage che sono delle copie più o meno fatte bene della sua silhouette, sia per chi cerca di riprenderlo meno spudoratamente, il Submariner è l’immagine del classico orologio diver.
Guardiamo ora com’è cambiato dalla prima referenza all’ultima commercializzata nel 2020

https://preview.redd.it/gqonqykpnao51.jpg?width=964&format=pjpg&auto=webp&s=27ea43e56f0d7a33410abc96eec58268e225607e
Il 1953 fu una grande annata per Rolex e lo fu al punto che oggi non si ripeterebbe mai più. Il marchio ginevrino rilasciò lo stesso anno ben tre nuovi modelli che hanno scritto gran parte della sua storia: Turn-O-Graph, Explorer e Submariner.
Il Submariner 6204 che misura 38 mm è mosso dal calibro A260, lo stesso che anima il Turn-O-Graph e gli “Ovetto”. Si tratta di un movimento automatico molto robusto con un dispositivo per proteggere il bilanciere dagli urti integrato.
All’inizio il suo quadrante non riporta la profondità per quanto si dice che il primo Submariner – nonostante dichiarasse sulla carta 100 metri – fosse testato per garantire un’impermeabilità sino a 180 metri pari a 600 piedi.
Ma com’è sempre stato nel 1953 il marchio continuava a progredire: il 30 settembre un prototipo di nome Deep Sea Special (ne costruirono in totale 7) attaccato al batiscafo Trieste accompagnò il Professore Auguste Piccard sino a 3.155 metri che tre anni dopo con lo stesso modello forse leggermente rivisto diventarono 11.000. Ma questa è un’altra storia.
La referenza 6204 non possedeva ancora ne la sfera delle ore Mercedes ne le due spallette proteggi corona che sono due tra i segni più riconoscibili della linea.
Quello che mi piace del primo Submariner è la sua essenzialità più da strumento professionale di misura che di un segnatempo. Nessun orpello, niente datario. La lunetta ruotava seppur con una certa resistenza in entrambe le direzioni e senza micro scatti.
Questa, realizzata in alluminio, soffriva di qualsiasi contatto o minimo urto riportando graffi e deformazioni; inoltre bastava esporla un po’ al Sole per vederla scolorire subito.
Da anni mi piace dire che il segreto di Rolex sta nell’aver adottato la tecnica giapponese “kaizen” o dei piccoli ma continui miglioramenti.
Quando 12 anni fa iniziai a bloggare per passione mi ricordo che molti appassionati nei forum si lamentavano che la Maison non cambiava mai nulla a parte un bracciale o il colore di un quadrante.
Oggi è uguale ma nessuno ci fa più caso, anzi, per la maggior parte dei fans sarebbe un guaio vedere una novità Rolex che si allontana dalla “retta via”. E quando succede, tutte le pochissime volte che la Maison cambia le sue leggi granitiche come mettere il vetro con lente ciclopica nell’ultimo Sea-Dweller scritta rossa, i suoi più stretti follower insorgono.
Al momento sei hai notato sul sito Rolex il Submariner è disponibile sia nella versione senza e con data: come esempio ho voluto prendere la referenza 116610LV ossia con quadrante e lunetta verde.
Tutto questo a mio avviso non rispecchia la realtà in quanto credo che oggi 4 maggio 2020, che sarebbe dovuto essere il penultimo giorno di Baselworld, rimandata come ben sappiamo per la pandemia, io dico che qualcosa in quelle pagine web sarebbe cambiato.
Ma questo è quello che abbiamo al momento.
Le referenza 116610LV e 116610LN misurano 40 mm e la cassa ridisegnata nel 2010 offre anse diritte, più spigolose e più spesse che lo fanno sembrare più grande delle precedenti edizioni nonostante fossero tutte anche loro delle stesse dimensioni.
Nei Submariner odierni batte una vecchia conoscenza: il calibro 3135 dotato di molla della spirale blu Parachrom e sistema antiurto proprietario. La prima, più sottile di un capello, è realizzata in una speciale lega antimagnetica, ma nonostante Rolex abbia sviluppato anche lei da anni la sua tecnologia al silicio denominata Siloxi, per ora rimane quella standard e non sembrerebbe che almeno nel breve la situazione cambierà.

https://preview.redd.it/bw9kz1prnao51.jpg?width=1080&format=pjpg&auto=webp&s=42705c5be140d8856f6c4d02f7e842e2f0fff336
La referenza 114060 senza datario è unicamente prodotta con quadrante nero e inserto della lunetta nero, la livrea classica di questo diver.
Il Submariner con quadrante e inserto della lunetta in Cerachrom verde, che i collezionisti hanno soprannominato “Hulk” esprime il carattere dell’ultima generazione.
In 57 anni (1953 -2010) oltre ai movimenti più aggiornati la vera evoluzione sta nel materiale.
Non che Rolex abbia mai usato materiali scadenti, il contrario, ma l’acciaio 904L di oggi che il brand chiama Oystersteel è 20.000 passi più avanti di quello del 6204 e anche di molti altri orologi odierni di pari segmento di prezzo.
La lunetta in Cerachrom è quasi antigraffio: se ci passi sopra un cutter questo sembra quasi galleggiarvi sopra. Questa è l’orologeria di Rolex, alta non per le complicazioni, l’artigianalità o le rifiniture dei movimenti ma per la qualità.
Tre mesi fa come tutti gli anni mi sono divertito a giocare a prevedere il futuro: poi tutto è saltato per cause di forza maggiori.
Eppure il 2020 doveva essere l’anno del nuovo Submariner. Tutti, dopo aver preso al solito degli abbagli per diversi anni, davano per certo l’arrivo di un nuovo beniamino delle profondità del mare.
Di sicuro al prossimo giro dovrebbe esserci l’aggiornamento del movimento con il molto più al passo dei tempi movimento calibro 3235, che poi nuovo non si può considerare visto che lo si è visto la prima volta ben 5 anni fa.
La speranza sarebbe anche di vedere delle anse più rastremate tipo quelle del GMT-Master II Batman ma qui la cosa si fa più difficile e davvero con Repliche Rolex usare il condizionale è sempre d’obbligo. Quest’anno si sta andando nella direzione di non vedere alcuna nuova entrata.
submitted by wristwatchsale to u/wristwatchsale